Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish
Vivete et Gaudete
This is SunRain Plone Theme

Sezioni

Tu sei qui: Home / Manifestazioni / Torneo de lo Biscione

Torneo de lo Biscione

Gara di Tiro con l'Arco storico

 

Arcere_disegno.gifDomenica, giorno dedicato alla festa ed ai giochi……
Un borgo di campagna del ducato visconteo……
Uomini e donne, giovani e meno giovani vengono chiamati dal signore locale all’allenamento ed alle prove di tiro con l’arco…..
In un attimo Vi troverete proiettati indietro di sette secoli nel bel mezzo di un Torneo di Tiro con l’Arco medievale. I migliori arcieri si fronteggeranno in una singolare sfida in cui l’arco in legno e le frecce dalle penne d’oca sono gli strumenti per divertirsi e far divertire.
 
Il Torneo, che raccoglie partecipanti da tutt’Italia, si propone di far rivivere lo spirito dell’arcieria medievale, arte di guerra, metodo di caccia e divertente passatempo.
Gli arcieri, percorrendo le vie e le piazze del borgo di Grazzano, dovranno affrontare insolite difficoltà e cimentarsi in tiri stravaganti e difficili. Dall’alto di una torre dovranno difendere il castello dall’attacco di nemici reali ed immaginari. Tra gli alberi di un bosco fantastico dovranno far filare le loro frecce verso il bersaglio. Velocità e prontezza saranno necessarie per vincere alla gara del pendolo. Se i saraceni attaccano l’accampamento, i nostri arcieri dovranno fermarli……..
 
 
Al termine del Torneo, gli Arcieri de lo Biscione proclameranno il vincitore, che diventerà per un anno lo Capitano de Arco de Giovanni Anguissola.
 
All'ora del rancio è aperta per tutti, partecipanti al torneo e spettatori, l' Hostaria degli Arcieri, agli stand gastronomici della Pro loco, dove si potranno assaggiare piatti e bevande dal sapore medievale e Menu a tema nei Ristoranti del Borgo.
 
Ma la giornata ed il divertimento non sono finiti! Gli arcieri si sfideranno ancora in stravaganti sfide testa a testa oppure in gruppo, che si svolgeranno ancora una volta nelle vie del borgo. In questo caso, sarà il perdente al centro dell’attenzione, colpito dallo scherno e dagli sberleffi dei partecipanti.
 
Il pubblico più appassionato avrà modo di apprezzare la difficoltà dei tiri ed le attrezzature utilizzate, rigorosamente costruite con materiali naturali e secondo le tecniche medievali.
Per tutti gli altri tanto spettacolo e divertimento per tutta la giornata.
Azioni sul documento